Utilizziamo cookie per assicurarti una migliore esperienza sul sito. Utilizziamo cookie di parti terze per inviarti messaggi promozionali personalizzati. Per maggiori informazioni sui cookie e sulla loro disabilitazione consulta la Cookie Policy. Se prosegui nella navigazione acconsenti all’utilizzo dei cookie.
 
 
 

Chi ben semina, ben raccoglie

In questa stagione davanzali e serre diventano il palcoscenico per le nostre sementi: possiamo iniziare a coltivare peperoni, melanzane, spinaci, ravanelli, rafano, insalata e verso fine mese addirittura i pomodori.
 
 
 
I “germogli invernali” sono quelle piante che spuntano se si trovano in un luogo abbastanza ombreggiato. Per esempio aglio orsino e mughetto possono essere seminati all’aperto, ma soltanto se il terreno non è troppo bagnato dall’inverno e dopo averlo aerato di almeno 2-3 cm con un sarchiatore o un rastrello.
Esistono delle varietà di verdura che possono anche essere seminate così presto, ma non senza coprirle! Per esempio potrete già seminare rape, prezzemolo, spinaci, ravanelli e rafano e poi dovrete subito ricoprirli con un telo protettivo. Così potrete raccogliere i vostri frutti 4 o 5 settimane in anticipo.
Il telo protettivo deve essere bucherellato o essere in tessuto non tessuto in modo che il terreno non si scaldi troppo velocemente. Queste protezioni difenderanno le piante anche dal vento e al di sotto del telo andrà a crearsi un clima caldo e umido al punto giusto. Evitate eventuali contatti con ghiaccio o neve sennò le sementi e le piantine non cresceranno bene e velocemente.