Utilizziamo cookie per assicurarti una migliore esperienza sul sito. Utilizziamo cookie di parti terze per inviarti messaggi promozionali personalizzati. Per maggiori informazioni sui cookie e sulla loro disabilitazione consulta la Cookie Policy. Se prosegui nella navigazione acconsenti all’utilizzo dei cookie.
 
 

Come coltivare i pomodori

Chi non ama piantare i pomodori nel proprio orto? Ricordate che la semina parte a inizio marzo e finisce al più tardi a inizio aprile.
 
Le nuove varietà di pomodori hanno un sapore più ricco e quelle più in voga sono le più piccole e gustose. I datterini, a forma di prugna, sono tra i più quotati. Per chi preferisce un gusto più fruttato ci sono i ciliegini, i pomodorini rotondi che crescono lungo dei rametti e non presentano evidenti differenze di gusto tra di loro.

Per la semina munitevi di ciotole o vasi e di un buon terriccio. La temperatura ideale per far germogliare i vostri semi è 18°C. Già dopo 10-15 giorni dovreste vedere i primi germogli e dopo altri dieci le piantine cresciute avranno bisogno del loro spazio, quindi dovranno essere trasferite in altri vasi e in un terriccio già concimato. Se non volete ricorrere al trapianto potete fare come i giardinieri: seminate già in vasetti distinti o in alveoli.
Se la bustina di sementi è bella piena potete spargere tre o quattro semi per vaso e in seguito lasciar crescere soltanto le piantine più forti.
Se seminerete a inizio marzo potrete ammirare una pianta di buone dimensioni già per maggio.
Le condizioni ideali per un’ottima crescita sono di porre i vostri vasetti in serre riscaldate o direttamente sul davanzale in una stanza del vostro appartamento.